10 giorni tra Siria e Giordania…come? seguendo i miei pratici consigli!

Amico eclettico e super impegnato 🙂 , grande viaggiatore appassionato di musica, lettura, cinema e sport, e non da ultimo brillante e noto Avvocato penalista, Davide Steccanella ha accettato di buon grado di regalarci qualche prezioso consiglio di viaggio. Destinazione: Siria e Giordania, due Paesi situati in una delle zone politicamente più calde del pianeta ma che negli ultimi anni hanno visto crescere il numero di visitatori alla scoperta delle meraviglie storico-paesaggistiche che sono ancora in grado di regalare!
L’articolo di Davide è tratto dal suo libro “Si….Viaggiare – ma dove?” …grazie Davide e buona lettura a tutti! 😉 
image

Numero di giorni consigliato per la vacanza: 10/12
Stagione consigliata: dicembre/gennaio
Costo: Siria- basso, Giordania- medio-alto
Mio periodo di visita: capodanno 2006/07
Facilità del viaggio (confort, sistemazioni, servizi, cibo etc.) ****
(
Il numero di asterischi indica il livello di difficoltà del viaggio etc)

La Siria è un paese molto noto per le bellezze archeologiche della Palmira del deserto (posto incredibile e da arrivarci se possibile al tramonto) che tuttavia molti rischiano di perdersi perché convinti che che, causa gli irrisolti e noti conflitti internazionali, sia diventata una meta “pericolosa”…

Sarebbe un vero peccato perchè oltre che molto bello (ma questo si sapeva) si tratta in realtà di un paese assai civile, ricco di storia e di prestigio, e dove la gente è cortese con gli “stranieri” come da poche altre parti al mondo.

La vecchia città di Damasco è semplicemente spettacolare pur nella sua notevole estensione e a prescindere dalla celebre Moschea, mentre dall’ altra grande città di Aleppo, nota per la sua cittadella fortificata, si può raggiungere non solo la celebrata e a ragione Palmira (che è semplicemente un sogno nel deserto che pur si tocca e si cammina…) ma anche la spettacolare collina del chiostro di San Simeone, nonchè la straordinaria città morta di Sergiopolis circondata di giorno da un paesaggio lunare.

image

Proseguendo il tour scendendo oltre la città di Borla dal famoso Teatro da 15.000 posti (!!!) e dove gli abitanti vivono facendosi largo tra i capitelli…..si può agevolmente superare la frontiera ed entrare nella confinante Giordania che seppur di minor fascino e dalla orrenda capitale Hamman, consente di vedere quello che per certi aspetti è il luogo più emozionante del mondo, nel senso che è inutile descrivere la magia di Petra, chi non l’ha mai vista perde qualcosa di imperdibile e punto.

Pensate che poi basta un oretta di macchina o poco più per immergersi nel superbo deserto del Wadi Rum prima di ritornare nuovamente nella vicina Siria.

Come si fa a fare questo viaggio straordinario di circa 10 giorni in due paesi così diversi per cultura e tradizioni ma capaci di esaltare l’universale gusto del bello ? Facile, si contatta un tour operator letteralmente unico e che risponde al nome di Moheddin Al Alem della agenzia Sherazad di Damasco (www.sherazadtravel.com) che non solo vi porterà in giro per il suo bellissimo paese spiegandovelo nel dettaglio, ma vi coinvolgerà nella sua storia e nelle grandi questioni sempre aperte, ma solo se lo vorrete.

Indimenticabile, al termine di un viaggio-esperienza a sua volta indimenticabile, trascrivere sotto dettatura in italiano in un ristorante di Damasco, una locale ricetta scritta in arabo dal cuoco e tradotta appunto in italiano per il nostro gruppo di amici dall’incapace di cuocersi pure un uovo….Moheddin.
Scrivere a: sherazad@scs-net.org
oppure fax: 00963112320663

“Caro amico ti scrivo…”

“Caro amico ti scrivo…” è la sezione di Viaggiare è Sognare pensata per ospitare i racconti degli amici viaggiatori.
Ho voluto dedicare uno spazio del blog ai tanti bei consigli, alle appassionanti storie e alle avventure in giro per il mondo di tutti gli amici che hanno accolto entusiasti la mia proposta di raccontare un po’ di sé attraverso un luogo del cuore o un’esperienza di viaggio che ha lasciato un segno nella loro vita.

Spesso leggerete di itinerari o suggerimenti che io stessa ho seguito in tutto o in parte, ma anche di esperienze che annovererò sicuramente nella lista di cose da fare in futuro!

Gli articoli che troverete in “Caro amico ti scrivo….” non seguiranno uno stessa impronta stilistica o uno schema predefinito, ad ognuno dei miei amici la libertà di descrivere le loro emozioni o dare i loro consigli nel modo che più li rappresenta!
Cari amici, cosa ci scrivete? …scopriamolo insieme…

Aspettando il Natale a Lucerna

Mi basta guardare per un attimo il mio albero di Natale e poi chiudere gli occhi per tornare a girovagare tra i mercatini di Lucerna…..è qui che in una magica atmosfera da fiaba,  ho assaporato  i giorni che precedono il Natale con la stessa emozione di quando ero bambina, qui che ho comprato tutto (o quasi) quello che sfoggio orgogliosamente sull’albero 😀 e se anche voi siete alla ricerca di luci, decorazioni, prodotti artigianali, dolci di ogni genere da acquistare in una suggestiva cornice da paese dei balocchi, o anche solo per godervi un po’ di atmosfera natalizia, non potete non fermarvi sulla sponda più suggestiva del Lago dei Quattro Cantoni!

image
Il mio albero di Natale 🙂

Tra i tanti mercatini di Natale che proprio in questi giorni stanno aprendo i battenti, quello di Lucerna merita davvero una sosta per approfittare non soltanto della vastissima gamma di prodotti esposti nelle centinaia di casette in legno sparse per la città, ma anche per godere di un paesaggio incredibile che in questo periodo dell’anno ci regala davvero il meglio di sé.

image
Lucerna – Vista dalla Camera sulle Alpi e la Chiesa dei Gesuiti

Quando si parla di mercatino di Natale con riferimento a Lucerna è d’obbligo usare il plurale…questo gioiello incastonato tra il lago e le Alpi, vuole strafare e offrire ogni anno ai suoi visitatori diversi mercatini, ognuno con una sua caratteristica peculiare: il Design Schenken; Il Mercato del Bambin Gesù nella stazione di Lucerna; il mercato sulla Franziskanerplatz; l’ Hand Craft Market nella città vecchia; il mercatino internazionale “venite” a Kapellplatz e il Christbaummarkt che solitamente comincia una settimana prima del Natale ed è interamente dedicato agli abeti.

Tra le bancarelle potrete trovare dolci e  tante specialità natalizie, oggetti di artigianato e tantissime idee regalo di design oltre a migliaia di decorazioni, passando tra caroselli e palcoscenici dove artisti provenienti da tutto il mondo sono intenti ad esibirsi diffondendo nelle strade il piacevole suono della loro musica.
Sul web potete trovare con facilità informazioni su orari di apertura e chiusura e su come raggiungere ogni mercatino. Sappiate che ce n’è davvero per tutti i gusti!

image
Lucerna – Particolare finestra del centro storico
image
Lucerna – Finestre di un grande magazzino addobbate come un calendario dell’Avvento

Ma Lucerna non è esclusivamente sinonimo di mercatini, recarvisi in questo periodo dell’anno costituirà soltanto un pretesto per visitare le sue bellezze in un’atmosfera unica.

I prezzi a novembre e dicembre salgono alle stelle e se non si vuole spendere un patrimonio, conviene sempre prenotare per tempo oppure, come me, soggiornare solo una notte (pagando come fossero 3 :-S) “accontentandosi” di scegliere tra i pochissimi hotel che in questo periodo hanno ancora stanze disponibili!
Per me il “non avere avuto più scelta” ha significato dormire nel bellissimo Hotel des Balances nel cuore della città vecchia, con camere con una vista mozzafiato sul fiume Reuss e sulle Alpi (lo consiglio al 100% se non si vuole stare troppo attenti al portafoglio, ma sicuramente muovendosi per tempo è possibile risparmiare un po’).
Una notte e un giorno e mezzo per girare con calma la città e vedere i luoghi più suggestivi sono stati sufficienti.

image
Lucerna – Vista sul ponte di Legno e sulla Torre dell’Acqua
image
Lucerna – Diga sul Fiume Reuss

Lucerna vi regalerà un romantico panorama alpino da cartolina, palazzi elegantissimi dalle facciate affrescate, suggestive piazzette, ponti di legno sempre illuminati che riflettono le loro lineari sagome sulle acque del fiume, torri, guglie e tranquille passeggiate sul suo famoso Kapellbruke, l’antico ponte di legno coperto che culmina con la celebre Torre dell’Acqua (Wasserturm).

Lungo il ponte, edificato nel XIV secolo e ricostruito dopo un grave incendio nel 1993, potrete ammirare antichi affreschi che raccontano la storia della città e della Svizzera.

image
Lucerna – Ponte di Legno e Torre dell’Acqua
image
Lucerna – Ponte di legno coperto sul fiume Reuss

Lucerna, una meta natalizia che consiglio per godersi un week end a ridosso del Natale, con stradine acciottolate dove perdersi passeggiando senza meta.

A chi capita da queste parti e desidera cenare in un ristorante buonissimo che sembra una casa di marzapane,  lascio un indirizzo prezioso: Old Swiss House…. ordinate una wienerschnitzel, tenerissima cotoletta di vitello impanata in un composto “segreto” fatto di uova, formaggio svizzero ed erbette, verrà poi cotta nel burro direttamente al vostro tavolo!
Buon inizio dicembre a tutti 😉

image
Lucerna – Facciata del ristorante “Old Swiss House”